23 aprile 2018

Ripartiamo da Monza.

Ecco la Campagna di Tesseramento Pd
Scritto da Alberto Pilotto Segretario di Monza
Dopo la sconfitta del PD alle recenti elezioni occorre agire subito per avviare un processo di trasformazione della politica del Partito Democratico.
Tale trasformazione dovrà porre le basi per costruire un futuro di successo per il PD nell’interesse di tutti i cittadini e nel continuo ascolto delle loro esigenze, paure, aspirazioni per poterle interpretare e dare risposte concrete ai loro bisogni e alle loro speranze.
La Direzione Nazionale del Partito di lunedì ha confermato che tutto il PD vuole avviare questo percorso di ascolto ed elaborazione.
Occorrerà tempo e uno sforzo di tutti per un confronto vero aperto e senza pregiudizi.
Serve un percorso collettivo di tutto il partito, di tutti i circoli, di tutti gli iscritti e simpatizzanti, e anche di chi fuori dal partito è capace di parlarci con onestà intellettuale, per ripartire più forti e determinati di prima e riportare il PD ad essere un grande partito popolare in grado di garantire democrazia, crescita e maggior benessere per tutti i nostri cittadini.
In questi giorni molte nuove persone mi hanno chiamato per iscriversi al nostro Partito. E’ un bel segnale in controtendenza dopo una sconfitta, che manifesta la volontà di molti di voler sostenere l’azione del PARTITO DEMOCRATICO e voler collaborare alla sua evoluzione e cammino.
In questo contesto lanciamo la campagna di Tesseramento a Monza perché è il momento in cui ognuno è chiamato personalmente a dare il proprio contributo di tempo, idee, energie, speranze con serenità e compostezza e anche con la convinzione che ognuno è attore attivo nella costruzione di un Partito capace di rappresentare i valori di Democrazia, Giustizia, Equità, Solidarietà, Riformismo che ci caratterizzano.
Il segretario del PD Monza
Alberto Pilotto

15 aprile 2018

“MAI PIÙ FASCISMI”


Appello a tutte le Istituzioni democratiche

Noi, cittadine e cittadini democratici, lanciamo questo appello alle Istituzioni repubblicane.

Attenzione: qui ed ora c'è una minaccia per la democrazia.

Si stanno moltiplicando nel nostro Paese sotto varie sigle organizzazioni neofasciste o neonaziste presenti in modo crescente nella realtà sociale e sul web. Esse diffondono i virus della violenza, della discriminazione, dell'odio verso chi bollano come diverso, del razzismo e della xenofobia, a ottant'anni da uno dei provvedimenti più odiosi del fascismo: la promulgazione delle leggi razziali.

Fenomeni analoghi stanno avvenendo nel mondo e in Europa, in particolare nell'est, e si manifestano specialmente attraverso risorgenti chiusure nazionalistiche e xenofobe, con cortei e iniziative di stampo oscurantista o nazista, come recentemente avvenuto a Varsavia, persino con atti di repressione e di persecuzione verso le opposizioni.

Per questo, uniti, vogliamo dare una risposta umana a tali idee disumane affermando un'altra visione delle realtà che metta al centro il valore della persona, della vita, della solidarietà, della democrazia come strumento di partecipazione e di riscatto sociale.

14 aprile 2018

Aquila: a che punto siamo ?

La ricostruzione de L'Aquila e degli altri comuni colpiti dal sisma del 2009 continua a procedere. Come ci hanno insegnato gli altri disastri tellurici che hanno colpito il nostro Paese il recupero dei territori ha bisogno di tempi lunghi. Non meno di dieci anni.
Secondo la “Relazione sullo stato di avanzamen-to del processo di ricostruzione post-sismica nella Regione Abruzzo”, la più aggiornata disponibile, presentata nel giugno 2017 e aggiornata al 31 dicembre 2016, sono stati finora stanziati 21 miliardi di euro.
Per concludere il processo di ricostruzione ne serviranno altri 4 miliardi, portando il costo complessivo del processo a 25 miliari. Uno sforzo pubblico in termini economici notevole.

12 aprile 2018

“I nostri gruppi all’opposizione per il Paese”

Parlano i neo capigruppo del Pd. Non c’è spazio per una trattativa con M5s, gli elettori hanno detto che la funzione del Pd è opporsi costruttivamente
Eccoli dunque i nuovi capigruppo del Pd:
Graziano Delrio, 58 anni, reggiano, già ministro nei governi Renzi e Gentiloni, e
Andrea Marcucci, 53 anni, lucchese, parlamentare da tre legislature.

Eletti per acclamazione come candidati in grado di esprimere un segno di unità interna. di certo il
presidente dei deputati e quello dei senatori dem hanno di fronte un periodo molto difficile per il Pd, dopo un risultato così negativo.

10 aprile 2018

Il Pontefice ha condannato l'uso di armi chimiche sui civili siriani

Papa: "Un dramma quando non ci si vergogna più di niente".
Sui gas in Siria: "Non c'è una guerra buona"

CITTÁ DEL VATICANO - "Il dramma è quando non ci si vergogna più di niente. Non dobbiamo avere paura di provare vergogna". Afferma papa Francesco in piazza San Pietro in occasione della Festa della Divina Misericordia. Poi il Pontefice interviene sugli ultimi temi di politica internazionale, in particolare sulla guerra in Siria: "Basta stermini e armi chimiche. Quella del negoziato è la sola via possibile".

8 aprile 2018

Lasciarsi interpellare

Racconti, Augias: "Quei ragazzi di oggi fascisti inconsapevoli"
Christian Raimo per Piemme ha scritto un'inchiesta "inquietante" - osserva Augias - tra i giovanissimi dal titolo 'Ho 16 anni e sono fascista'. Per tanti ragazzi di Roma, come Milano e Palermo, si legge, "il fascismo è una bella moda sincretistica", un mix di culti orientali, Mussolini, Gramsci, culto giapponese delle armi e del duello. "Frammenti incoerenti" che creano "un modo di vivere", dice Raimo, "specchio della politica di domani".

Libri come bussole per orientarci in un confuso presente. Racconti per estrarre da un libro il condensato delle sue pagine. In sostanza il racconto come un saggio e ogni saggio come una minuscola lampada tascabile